I risultati di un programma pilota

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d'Aosta

TIVOLI  8 GIUGNO 2022 9:00- 12:30

Il workshop organizzato esprime la sensibilità della ASL Roma 5 per le iniziative di prevenzione e salute mentale. Verranno illustrati i percorsi innovativi ed integrati di progetto-intervento sul benessere scolastico e la prevenzione del disagio in età evolutiva della ASL Roma 5. Il tema della salute mentale e degli interventi precoci in età evolutiva è diventato tema centrale e prioritario sia nell'agenda sanitaria che scolastica.

Le iniziative messe in campo e che in questa fase hanno riguardato solo alcuni Istituti scolastici hanno avuto lo scopo di incrementare nuove conoscenze nel corpo docente, finalizzate al riconoscimento precoce di possibili sintomi psicopatologici in età evolutiva e in adolescenza.

Infatti, riconoscere i segnali di disagio che esprime un bambino, un adolescente o un giovane adulto permette la possibilità di mettere in atto una molteplicità di interventi, scolastici, sanitari, e sociali; tale obiettivo è perseguibile attraverso l’integrazione di conoscenze tra diversi professionisti, che lavorano nell’area dell’educazione e della salute mentale.

Il supporto degli insegnanti e dei genitori è di fondamentale importanza, in quanto risultano essere i maggiori esperti dei loro bambini e adolescenti.

Grazie ai fondi stanziati del Progetto Nazionale/regionale di prevenzione dal Dipartimento di Prevenzione in questi primi due anni di progetto sono state coinvolte le scuole target (Istituto Comprensivo Statale «Raffaello Giovagnoli», Monterotondo (RM); Istituto Comprensivo Statale «Don Milani» , Guidonia (RM);  Liceo Statale Marconi, Colleferro (RM); Istituto Cannizzaro, Colleferro (RM); Istituto Tecnico Enzo Gigli, Valmontone (RM), con l’obiettivo di poter estendere l’iniziativa a tutti gli istituti del territorio.

Su un campione di 4894 studenti sono circa 200 i bambini/adolescenti/giovani adulti, opportunamente segnalati dagli insegnanti (concordemente con i loro genitori) a cui è stata garantita una presa in carico multi-contestuale con esiti positivi nella gran parte dei casi. Questa iniziativa sarà capillarizzata sul tutto il territorio della Asl Roma 5 e potrà divenire un modello regionale di intervento.    

Hanno contribuito alla realizzazione del progetto: Dr.ssa Anna Maria Ardito, Dr.ssa Maura Coia, Dr.ssa Luisa De Risio, Dr.ssa Claudia Di Pasquale, Dr.ssa Francesca Laganà, Dr.ssa Beatrice Mantovani, Dr. Giuseppe Nicolò, Dr. Alberto Perra, Dr. Enrico Pompili, Dr. Giovanni Riccardi, Dr.ssa Elena Rossi, Dr.ssa Federica Rossi, Dr.ssa Federica Tarallo.

Schermata 2022 06 03 alle 13.05.11

-

Questo sito utilizza cookies